Estrattori a freddo: ecco perchè sono meglio della centrifuga

A prima vista è facile confondere un estrattore di succo con una normale centrifuga. Si tratta infatti di due elettrodomestici molto diffusi e con funzioni apparentemente assimilabili; in realtà sono nettamente differenti l’uno dall’altra.

La centrifuga non fa appunto che centrifugare interamente l’alimento che inseriamo tra le sue lame. L’estrattore ha un funzionamento un po’ più sofisticato.
In questo breve articolo cerchiamo di isolare i criteri per la scelta dell’apparecchio più indicato per le nostre esigenze.

Estrattori a freddo: ecco il funzionamento

Grazie alla sua particolare tecnologia, l’estrattore è in grado di estrapolare il succo, separandolo dalla parte fibrosa della polpa. Dal momento che lavora a bassa velocità crea ridotto calore, e per questo motivo è anche denominato “a freddo“.

Un estrattore a freddo lavora ad una velocità molto bassa (tra i 40 e gli 80 giri al minuto). In questo modo riesce a lavorare qualsiasi prodotto senza alterarne il sapore. Si crea così un succo omogeneo, mantenendone intatte le proprietà.

Il 30% di succo in più di una normale centrifuga

Inoltre, molti modelli di estrattori di succo sono in grado di estrarre una quantità di prodotto molto elevata, quasi il 30 % in più di una tradizionale centrifuga, la cui qualità dei prodotti ottenuti risulta dunque inferiore.
Per queste ragioni gli estrattori sono considerati di gran lunga superiore e più salutare rispetto alle centrifughe elettriche e ad altri apparecchi simili.

Alcuni criteri da valutare per l’acquisto

Sia che scegliamo un estrattore a freddo o una centrifuga, per scegliere il modello giusto per noi bisogna sempre prendere in esame quattro parametri:

  1. Capacità di estrazione del prodotto.
    Ovvero quanto succo si ottiene in rapporto alla quantità di prodotto lavorato.
  2. Semplicità di pulizia della macchina.
    La procedura per pulire il nostro elettrodomestico può essere pratica o complessa, a seconda di come è stato costruito l’apparecchio. In ogni caso la manutenzione dovrebbe essere eseguita in modo scrupoloso ogni volta che si utilizza l’estrattore, in modo da scongiurare la formazione di muffe che altererebbero l’efficienza del nostro elettrodomestico.
  3.  La rumorosità dell’apparecchio e il suo ingombro sono aspetti da non trascurare.
    I migliori modelli in commercio, in particolare quelli utilizzati in ambito gastronomico, vantan un basso impatto a livello acustico e fisico. Anche in termini di ingombro, il mercato offre tipologie di ogni “taglia“, rispondendo così alle più disparate esigenze.
  4. Assistenza postvendita.
    E’ un altro risvolto da non trascurare quando si acquista un estrattore di succo a freddo o un qualsiasi altro apparecchio da cucina. L’assistenza tecnica sul prodotto deve essere sempre reperibile per problematica, reclamo o per segnalare un eventuale anomalia dell’apparecchio acquistato.

Su Guida Estrattori troverete informazioni inerenti i migliori prodotti recensiti e ordinati per voto.